Alberi e arbusti di Villasimius

MIRTO

NOME SCIENTIFICO: Myrtus communis L.(Myrtacee)

NOME COMUNE: mirto

NOMI SARDI: mirtu, multa, murta, murtaucci, murtin, mutta

HABITAT: Pianta tipica della macchia mediterranea, era tenuta in grande considerazione dai popoli antichi per le sue proprietà medicinali e aromatiche. Ama la luce e il calore, ma è molto sensibile ai venti marini per cui cresce nelle zone litoranee prediligendo le posizioni più riparate dai venti. In genere, si trova accanto ad altri elementi termofili come il lentisco, il cisto, l’olivastro ed il leccio.

CARATTERISTICHE: Si tratta di un arbusto sempreverde alto in genere da 1 a 3 m., folto e molto ramificato, con fusto cilindrico ed eretto. Ha una corteccia rossastra da giovane, grigiastra e fessurata in età matura; foglie persistenti, coriacee e profumate, di forma ovale e color verde lucente; fiori bianchi, a cinque petali, con molti stami giallastri al centro; i frutti sono delle bacche ovoidali di color nero lucente a maturità raggiunta.

 

Si tratta di una pianta molto utile: il suo legno viene infatti utilizzato per lavori di tornio e intarsio e come legna da ardere; le foglie vengono usate per insaporire i tordi o i merli lessati e gli arrosti, e per produrre un ottimo liquore, il mirto bianco; le bacche vengono usate per produrre un liquore digestivo, il mirto rosso.

Tutte le sue parti, in particolare le foglie, contengono un olio utilizzato in profumeria e, nella medicina popolare, foglie e frutti vengono utilizzati per le loro proprietà balsamiche ed antinfiammatorie.

Home