Alberi e arbusti di Villasimius

GINEPRO

NOME SCIENTIFICO: Juniperus phoenicea L. (Cupressacea)

Nome locale: ZINNIBIRI FEMMINA

NOME COMUNE: ginepro licio

NOMI SARDI: ghinipera emina, ghinipera femina, zinnibiri burdu, zinnipiri femina

HABITAT:. Si tratta di una pianta che cresce essenzialmente nelle zone litoranee, raggiungendo gli 800 m. di quota. Si può trovare in formazioni pure o, più spesso, associato al ginepro coccolone nelle zone costiere, o ad altre specie quali il lentisco e la fillirea.

CARATTERISTICHE:. E’ un arbusto eretto, con un fusto ramificato a breve altezza da terra. Ha la corteccia di color grigio-argenteo, di tipo fibroso come quella del cipresso: foglie squamiformi ed embriciate, che hanno l’aspetto di piccole tegole addossate ai rami; fiori maschili e femminili, che possono essere portati su piante diverse oppure dalla stessa pianta; i frutti sono dei coni (o strobili) di color rosso-bruno contenenti 3-9 semi, che raggiungono la maturazione dopo un biennio.
Il suo legno viene utilizzato per lavori di ebanisteria e per la costruzione di travi e solai rustici. Il ginepro licio viene utilizzato anche come pianta ornamentale, in particolare nelle zone esposte ai venti.
In Sardegna vegetano altre due specie di ginepro: il ginepro nano (Juniperus nano) cresce in genere sopra i 1000 m. di quota ed è caratterizzato, dalla bassissima statura, da foglie aghiformi e da piccoli galbuli di colore nero-azzurrognolo; l’altra specie si divide in due sub-specie: il ginepro rosso e il ginepro coccolone. Entrambi sono caratterizzati da foglie aghiformi e da galbuli rosso-scuri, che sono di dimensioni maggiori nel coccolone. Per quanto riguarda l’habitat, il ginepro coccolone predilige le zone costiere, mentre quello rosso, pur vivendo anche nelle zone costiere, predilige le zone interne.

Home