Enemigos de la Fe'
Pirati e difensori Costieri

Presentazione

La necessità di rendere meno "buio" il periodo storico compreso fra il XVI e il XIX secolo, in cui le nostre coste e quelle dell'intera Isola furono soggette alle incursioni dei pirati turco-barbareschi, accompagnata dalle richieste di informazioni sulle torri che costellano i nostri litorali, ha indotto il gruppo di lavoro che si occupa della Biblioteca e dell'Archivio Comunale alla realizzazione di questa mostra.

Un lavoro di ricerca svolto presso i principali Archivi di Stato, Musei Nazionali e Biblioteche Regionali e Nazionali, oltre ad un ricco corredo bibliografico, ha consentito di fornire un quadro, seppur parziale, del suddetto periodo storico e di inserire Villasimius, a quei tempi Carbonara, in un contesto più ampio, quello mediterraneo, a testimonianza dell'importanza storico-geografica che ebbero questi luoghi sin dall'antichità.

Le torri erette a difesa del nostro territorio vennero costruite tutte, se si eccettua il primo impianto della Fortezza Vecchia, ascrivibile al periodo aragonese, fra il XVI e XVII secolo, proprio nel momento in cui la pirateria barbaresca era nella sua fase più "gloriosa" e frequenti erano le incursioni nel nostro territorio, ricco d'acqua e di greggi che pascolavano in vicinanza del mare.

Utilizzate sino alla prima metà del secolo scorso, quando si verificarono le ultime incursioni, le torri cessarono di essere attive con Regio Decreto di Vittorio Emanuele II il 25 aprile del 1867.

 

Home