Le Tombe
 
Presentazione
la Sardegna Catalano Aragonese
1353-1420 La Sardegna ai sardi

La Famiglia Carroz

Le Tombe
I castelli
Villasimius in età aragonese
Villasimius nelle antiche rotte
I falconi di Serpentara
Il relitto dell'Isola dei Cavoli
Gli Azulejos

 

 

 

Sito Web ottimizzato per
Internet Explorer 5,
Netscape 4 o altri versioni superiori
Best View 800X600 pixel
WEBDESIGN


San Francesco di Stampace

Della chiesa di San Francesco di Stampace (Ca), crollata per vetusta nel 1875, non restano che alcune strutture dell’abside, incorporate in recenti costruzioni, ed un portale restaurato ed incorporato nell’ingresso della Basilica di Bonaria (Ca). Qualche anno prima del crollo, il canonico Givanni Spano ne fece un rilievo e così la descrisse:
  “La chiesa può dirsi un museo, od una galleria, e per i suoi dipinti ed anche per l’insieme dei suoi ornamenti in pietra , dell’architettura e dell’armatura del tetto a travi. Tutto è bello di quella molteplicità di tavole che adornano gli alberi, e di gotici ornamenti, e d’intagli dorati che sono della più bella maniera”.
Secondo la tradizione, Violante Carroz, contessa di Quirra (1456 - 1510) , fu sepolta “... all’angolo sinistro, fuori dalla chiesa in un’arca in pietra col suo stemma scolpito ..... Questa ricca e potente Signora che visse nel secolo XV aveva fatto trucidare il suo cappellano nella valle di Ales, suo feudo, dove a sue spese eresse la bella cattedrale. Per fare penitenza del suo fallo si ritirò in un camerino nell’ingresso a destra di questo chiostro (quello di San Francesco di Stampace) dove morì umile e penitente, ordinando nel suo testamento che fosse seppellita fuori di chiesa ....
(G. Spano, seconda metà del XIX sec.).
Il sarcofago descritto dallo Spano era ricoperto da una lastra calcarea con decorazioni in rilievo a forma di centri concentrici, perimetrati da una spessa cornice, anch’essa in rilievo.
Il loro interno era quadrilobato: in uno era scolpita una croce gigliata, nel’altro scudo appeso, con la superficie esterna decorata da uno schema a vaio minuto diviso in sei registri, cioè lo stemma nobiliare dei Carroz di Quirra. Violante Carroz occupò il sarcofago dell’ava nel 1509-1510. Il sarcofago venne chiuso con una nuova lastra di fattura meno raffinata, mentre quello di donna Eleonora veniva riutilizzato per costruire la gradinata d’accesso alla chiesa di S. Chiara di Stampace (Ca).

Santa Chiara di Stampace

La chiesa di Santa Chiara di Stampace, a Cagliari, risponde ad una tipologia costruttiva abbastanza diffusa nella Sardegna meridionale.
Edificio a navata unica, coperta con volta a botte e corredata da cappelle laterali, si presenta come una traduzione della tipica chiesa catalana, trapiantata nell’isola nel XIV sec. ed affermatasi in quello seguente.
Ridotta ad un ammasso di rovine dai bombardamenti della seconda Guerra Mondiale, venne restaurata nel 1984. In questa occasione, durante lo smontaggio della gradinata d’accesso, furono riportate alla luce due lastre tombali.
La prima (202x72x16 cm.), di cui è difficile individuare la provenienza, presenta due scudi scolpiti contrapposti: in quello sinistro è possibile notare la raffigurazione di un ramo, in quello destro un semicerchio che poggia su uno stelo.
La seconda, in pietra calcarea come la prima, ma allo stato frammentario (115x70x20 cm.) presenta una lavorazione a rilievo con due cerchi affiancati e contornati da una spessa linea perimetrale. Ciascuno di essi è diviso in quattro lobi, al cui centro è scolpito: nel primo, uno scudo dal campo tripartito “a vaio” minuto su sei registri, appeso ad un chiodo; nel secondo, una croce grigliata.
Sulla cornice è leggibile parte di una iscrizione in caratteri gotici: “... pulcrum/gini..”.
La sepoltura coperta da questa lastra apparteneva ad un membro della famiglia Carroz, probabilmente a Donna Eleonora Manrique (morta nel 1437), ava materna di Violante Carroz contessa di Quirra (morta intorno al 1510) e il cui corpo fu ospitato in quella data nel sepolcro di Donna Eleonora.
Lo Spano ricorda di aver visto il sepolcro in San Francesco di Stampace (Ca) prima del suo crollo avvenuto nel 1875.
L’attribuzione della lastra a Donna Eleonora Manrique è possibile considerandone il tipo di lavorazione, tipica del ‘400 e l’iscrizione, i cui caratteri sono molto simili a quelli presenti nell’iscrizione di Guido Dedoni, morto nel 1932 e sepolto all’interno della chiesa di San Francesco di Stampace.