I falconi di Serpentara
 
Presentazione
la Sardegna Catalano Aragonese
1353-1420 La Sardegna ai sardi

La Famiglia Carroz

Le Tombe
I castelli
Villasimius in età aragonese
Villasimius nelle antiche rotte
I falconi di Serpentara
Il relitto dell'Isola dei Cavoli
Gli Azulejos

 

 

 

Sito Web ottimizzato per
Internet Explorer 5,
Netscape 4 o altri versioni superiori
Best View 800X600 pixel
WEBDESIGN


La bellezza dei falconi sardi e la loro abilità venatoria erano assai note in età medioevale. I sovrani aragonesi, che amavano cacciare con questi rapaci, nominarono un falconiere con il compito di custodire i nidi per la caccia reale e di inviare a corte i falconi.
Nell’Isola erano diffusi soprattutto il "falco Eleonorae" e il "falco peregrinus".
Nel territorio di Villasimius, e in particolare nell’Isola di Serpentara, è probabile fosse presente il primo tipo, che amava vivere in colonie su isolotti rocciosi e scogli a picco sul mare.
Due documenti, uno del 1421 e uno del 1428, fanno preciso riferimento alla nidificazione dei falconi per la caccia reale nel territorio dell’attuale Villasimius.
Il primo, contenuto nel "Liber Curie procurationis regie Sardinie", ricorda falconi in alcune località tuttora esistenti e ben note nel territorio di Villasimius: si tratta di Cala de Pes (Cala Pira?), Serpentayra (isola di Serpentara), Sent Stheve (Santo Stefano), Cap Bou (Capo Boi).
Nel secondo, conservato nell’Archivio di Stato di Cagliari, si parla di un trasporto di nidi di falconi a Capo Carbonara, luogo in cui i falconi figliano ogni anno, e di un successivo invio degli stessi al re.
Heras Lutra, citata da Plinio e Marziano Capella: la si crede ricca di lontre ed ora è chiamata Serpentara. Si trova assieme a tre piccoli scogli di fronte al promontorio di Punta Porceddu, ha una linea di costa di 4 miglia ed offre un ottimo approdo. Vicine ad essa sono le tre seguenti isole, dette anch’esse Serpentare: isoletta di Santo Stefano, dal perimetro di un miglio; isoletta di Piscatelli, il cui perimetro è di circa mezzo miglio; isoletta di Perda Liada, il cui perimetro è di 500 passi”.(I. F. Farae, XVI sec.).
L’isola di Serpentara si trova a nord-est del Capo Carbonara, a due miglia da Punta Molentis.
Nel XVI sec. venne edificata sull’isola una torre, tuttora esistente, che rientrava nel piano di difesa statica contro gli attacchi dei turco-barbareschi portato avanti nel periodo dalla Corona di Spagna.